Archivi categoria: Prof. Gabriele Centorame

Curriculum vitae e portfolio di poesie

Poesie di G. Centorame

Il fumo dei fiori

Su l’asfalto

annerito

di pece

forme

curiose

di oggetti

veloci

donano

all’uomo

il fumo

dei fiori

bruciati

dal tempo.

 

Strani

bottoni

rotondi

girano soli

sui prati

distrutti.

 

Rinchiuso

nel fondo

del tempo

qualcuno

soltanto

ricorda

le grandi

distese

di campi

colorati

di verde.

 

 

 

L’uscio

Sono

solo

sull’uscio

 

  

Il fiore

Avevo un fiore,

era il fiore

più bello del mondo.

Il tempo l’appassiva,

io l’ho colto

e poi bruciato.

 

Ricordo era quello

l’amore più grande.

 

 

L’arido avanza

Nel soffice seno

del tempo che viene

viali di sabbia

si formano a frotte

davanti alla vista

dei cuori di donne,

dei piedi dei figli,

di mani di padri,

smunti, sfiniti

dal lungo e pesante

lavoro passato.

Le grandi speranze

del nuovo millennio

sono croci d’argilla

al sole di agosto.

L’arido avanza

e colora di giallo

le terre, disposte

dal vecchio Nettuno.

Dal fondo del mondo

un’esile voce si leva

nel cielo di sera:

l’amore soltanto

ancora rimane,

capace di cogliere

i fiori per tutti,

prima che il buio

ci prenda per mano

e ci porti lontano.

 

 

Cara mamma

 Quanti viaggi hai tu fatto,

cara mamma, per le strade

polverose…lastricate,

là nel nostro paesino,

 per la rapida discesa

verso il mare, là dove

la stanchezza per le strade

ogni giorno più cresceva

per la dura risalita

di montagna, là di certo

il tuo piede non riusciva

a restare al posto preso

sul pietrisco già sconnesso

per cui tu facevi spesso

quel che prima avevi fatto,

con la speme dell’arrivo.

Ora invece sei partita

per il viaggio più tremendo

su una piana sterminata

ove il cielo si confonde

con il mare in un grande

immenso…amore…ove

il canto, che tu amavi

è una pratica perenne,

così tu sei più contenta,

ove tutto ciò che accade

è inebriato dal piacere

delle spire del gran cuore.

Tu cammini finalmente

col sorriso sulle labbra

e non hai più da temere

le fatiche della vita

e le grandi sofferenze

del percorso quotidiano.

 

 

Campe ca arcurde

 

<<Campe ca arcurde>>

diceve la nonne

quande iavame

a coje le foje

pe fa lu decotte.

 

<<campe ca arcurde>>

disse lu nonne

quande a le otte

de na matine serene

si fece scure tutte lu cile.

 

L’altra notte e che notte!

Piuveje tante….che

tutte ere nere gnà nu tizzone

e nsi videje nu tronche

a nu palme de nase.

 

Ma tra nu tonite e nu lampe

so viste na cose luccicante,

na strisce de foche

e na scritte pe l’aria che

dicieje: <<Campe ca arcurde>>.

 

 Se campi ricordi

<<Se campi ricordi>>/diceva la nonna/quando andavamo/a cogliere le foglie/per fare il decotto.// <<Se campi ricordi>>/disse il nonno/quando alle otto/di una mattina serena/divenne scuro tutto il cielo.//L’altra notte e che notte!/Pioveva tanto…che/ tutto era nero come un tizzone/e non si vedeva un tronco/ ad un palmo dal naso.//Ma tra un tuono e un lampo/ ho visto una luce,/una striscia di fuoco/e una scritta per l’aria che/diceva:<<Se campi ricordi>>.

La feste de la campagne

Curréje li bardisce scàze

zumpèje sull’àre pulite

‘attorne a la serre de ràne,

àte,àte, gna na muntagne.

Dopo jurne e jurne de fatiche

avìi vinute lu pane de Die:

su e jù pe la massarije

ére tutte nu paradise,

e la nonne a fa lu pane

e la mamma a fa lu sughe

e tatà a preparà lu vine;

steje pe venì la machene

de la tresche, ‘ghi li vicine,

pe la feste…de la campagne.

 

 

La festa della campagna

 Correvano i bambini scalzi,/ saltavano sull’aia pulita,/ intorno al mucchio di grano,/ alto, alto come una montagna./ Dopo giorni e giorni di lavoro/ era arrivato il pane di Dio:/ su e giù per il campo/ era tutto un paradiso,/ e la nonna a fare il pane/ e la mamma a fare il sugo/ e il nonno a preparare il vino; stava per arrivare la macchina/ della trebbiatura, con i vicini,/ per la festa….della campagna.                                    

Lu monne di mò

Mò lu monne

né come prime,

coma ere quelle

di na vote.

Mò, è come

na sfriscelle

di lu caesce,

ghi tante buche

tuttà attorne

e senza fonne.

E la quajete,

chi tu mitte,

chiù li strigne

e chiù s’afflosce

fina a quande

nin divente

tutte molle,

senza sense

e senza sale.

 

 

La fata

 

Come quando il sole sorge

all’orizzonte, nel mattino,

saetta a ciel sereno,

è arrivata all’improvviso

una fata molto bella

dai Carpazi agli Appennini

per aprire i nostri cuori

ad un mondo, quasi chiuso,

di speranze nel futuro.

Come fosse un vero incanto

mi si è posta lentamente

sulla mano, ormai consunta,

per condurre il mio pensiero

nel suo splendido giardino;

e poi piano, piano piano,

si è posata sui due lobi

del mio lento e fioco udito

e con chiara e ferma voce

ha sussurrato con dolcezza:

<<Non andare via lontano,

resta qui a riposare

tra le braccia del mio grande

e di certo immenso amore>>.

 

 

Ngelìne e  Caprièle

“A Capriè, sinta mpò, ma tu chi pinze?

Dumaeniche è lu cumpli anne a mè,

secondo tà, jeè, l’hai da fè,  la feste?

L’hai da ammitì cacchi d’une,

u n’hai da deice ninde a nisciùne?”

“A Ngelì e chi ni sacce jeè,

fè coma ti sinti, tu di fè;

si tu ti la sinte, l’ammeite,

si tu n’ti la sinte, n’ammeite”.

“Ma li si, jeè, coma la paense?

Nin mi pièce stì cirimounie,

si fusse pi mà, nà mmitaesse

nisciùne, jeè, chi cià hai da fè.

Ma siccome nin n’é na cosa accusciè,

è nu cumpli anne ‘mpurtante,

facce cinquant’anne, piaene piaene;

da quande so naete, mezze secule ha passaete!

l’hai pure da fè cacche cose, na mpruvvisete;

ma nou lu pranze, troppe mpazzimènte.

Jeè so pinsète, faciaeme nu ricivimènte

lu pumiriggi nghì li amìci e lu parìntaète.

Certe, mpò di solde, sicure chi si ni vè,

ma chi ji fè, tante m’arivi li righile.

Faciaeme li panini nghi la purchaette,                                 

lu prisutte, la pizza douce e li dulcitte.

Chi ta crite, ammite poche pirsaune;

li chiù viceine: Sabbateine di Biancoune,

lu fije di lu Buatte, Nicole di Carloune,

Riccitilli e la famije di Tonnatounne.

E, si dapù, mi vè voije d’allarghè,

la famije di Sanitè, Ciarrocche,

lu Ferracavalle, li Luciìne,

li Cicipanitti e li Cinturime”.

“La dumaeniche pumiriggi arrive li pirsaune.

Entre Sabbateine, “buon giorno, buona saere,

augùre a la fistiggiaete”, ma lu righaele

nin gi scitè, nin ma purtaete ninde!

Dicive soutte a soutte a Caprièle:

Lu righaele l’ ha  dète a tà?”

“Nou”, m’ ha risposcite aesse:“A mà

nin m’ha dète proprie ninde.”

“Dapù,  ha arrivìte Cicipanitte,

ma di righile n’zi n’ha parlète proprie,

ha arrivìte tutta la famije di lu Buatte,

ma li righile nisciune mi l’ha purtaete,

ha arrivite pure Caprièle di Cinturème

e pure aesse nin m’ha purtete ninde;

ma sa avesse messe d’accorde

tutti quinte pi pijirme ‘ngìre e pi farme faesse;

Ma come? Jeè so jète a tutte li cumpli anne,

e a tutte sò purtète li fior fiure di righile.

Auà, Capriè, da uije in poi nin vouje sapaè

ninde, nin vouje jè chiù a nisciuna a parte.

La cosa belle è che tutte magnaje,

tutte bivaje come li sfunnite, a la faccia a mè,

chi pure comunque l’avaeje ammitite:

ma mou n’ci caschè chiù, a scitù tranèlle.

Nì vi pozze deice quante mi so rrajeète”.

“Dope cacche journe accuscìe ‘ncazzète”:

“a Capriè”, so daette, “sinte chi ti sinte

chi mà daette lu fije di Mocichèche:

-lu scherze ti l’ha fatte Francaesche,

la fija a tò; ha passaete, aesse,

la parole a tutte, cha n’ta vije

da fè nisciùne li righile, e che

 ti fè, dumaeniche 12 diceimbre,

 na fèste a surpraèse, da li parte

dila Fatturìedi Cullicurvìne;

e llè,  li righile, deice ca si sprèche!! –

Chi ti pozza a bruscì a tà e na fije.

Però, Capriè, li si chi so pinsaete,

mò  a cchissì, li fraeche bone jeè,

adà arrivì, mò ca arrìve,la Bifène,

e quande maette sotte a lu fuculaere

li cazaette, aesse, pi li righile,

jeè ji maette, ciaennire e carboune,

e quande, la mateine dila Bifène,

aesse, arvotche li cazaette,

pi vidà li righile, chi ja arrivìte,

sa da zizzè tutte li parte di la vìte,

la faccie, li mìne, e pure li pite”.

 

Augùre

12 diceimbre 2010

Caprièle di Cinturème

 

 Li sugne sò vere

L’atra notte

piane piane

so girate

pe lu monne,

attorne attorne.

Ie ere nu raggie

di sole

e mi muveje

pe lu spazie

tra le stelle

luccicante

e li pianete,

tutti quante.

So viste

cose triste

e belle assaie.

La terre,

nu giardine

di culure,

e chi lu mare

tutt’azzurre,

ere proprie

nu paradise.

Tra nu fiume

e na culline,

na casette

e nu camine,

so ‘ntraviste

tutt’intere

na famije,

attorne

a nu fuculare

di na vote.

La nonne

raccunteje

le storielle,

tutte belle,

di li fate,

le befane,

Geppette,

Cappuccette.

E lu nonne,

là vicine,

a la fine,

ha confermate

che lu monne

ha sempre state

come la nonne

ha raccontate.

 

I sogni sono veri

L’altra notte/ piano piano/ ho girato/ per il mondo, tutt’intorno./ Io ero un raggio/ di sole/ e mi muovevo/ per lo spazio/ tra le stelle/ luccicanti/ e i pianeti,/ tutti quanti. /Ho visto/ cose tristi/ e molto belle./ La terra,/ un giardino/ di colori,/ e con il mare/ completamente azzurro,/ era proprio un paradiso./ Tra un fiume/ e una collina,/ una casetta/ e un camino,/ ho intravisto/ tutta intera/ una famiglia,/ attorno/ a un focolare/ di un tempo./ La nonna/ raccontava/ le fiabe,/ le befane,/ Geppetto,/ Cappuccetto./ E il nonno,/ là vicino,/ alla fine,/ ha confermato/ che il mondo,/ era sempre stato/ come la nonna/ aveva raccontato.

Chi ci putaèye mai pinzè

Li diplumaete di lu sessantotte

 Chi ci putǽye mai pinzè…

a-ǘnїte, come tant’anne fè,

di  fistiggè, accusciè, na yủrnёte

e a ‘rcurdarce di  lu passễte,

quande na vote a lu payǽse

ci stataǽyene poche pirsaune,

non tante  solde pi cumprè,

ma  na grosse vồjie  d’arrivè.

Si tu yìsse mò a Ciù Sant’Agnele!

Mille fiǜre ammonde a lu corse,

li vishtite a mmiye a mmiye

e lu cellulere simpre ‘mmine.

A chi li timpe, a lu sessantotte,

eravæme bîlle e nghi li guance rusce.

Mò, dopo quarant’ânne, insomme:

sæme grusse, pure bîlle, ma  sculurїte.

Eppure, auà, si chi vi vuye deice:

<<Dope tanta tempe c’ha passete,

da quande seme stæte diplumæte…

‘shtềme miye mò chi prime’>>.

 

Cia saeme argunite a lu ddumile e otte

 

 

Polline in volo

 Sulle

orme

del

passato

costruisco

il mio

futuro

in un

vortice

di spirito

di tempo

definito

da uno

spazio

circostante

e da

schiere

di pensieri

sovrastanti

e tendenti

all’infinito.

Ho visto

sciame

di polline

di fiori

sorvolare

su nel

cielo

le

prigioni.

 

Città Sant’Angelo

Al canto

dell’upupa

rispondo

con i sorrisi

del passato.

Agli angoli

del paese

ritrovo

le radici

del canto.

Sono solo

e soltanto

con te,

angolo

sperduto

del mondo.

 

 

Il male di vivere

Lungo il percorso

che porta all’eterno

la strada asfaltata

d’incanto si ferma

e cede il suo posto

ad un manto scaglioso

di pietre appuntite,

sconnesse e taglienti,

sulle quali poggiano,

adesso, i miei poveri

piedi, già nudi,

consunti dal tempo.

Io guardo lontano

e non vedo nessuno

che possa attenuare

almeno per poco il dolore

del male presente.

Allora lo sguardo

si volge compatto

lassù, nel cielo più blu,

là dove il mondo

non cambia colore,

ma permane per sempre

il dolce tepore del cuore.